breaking news

Siracusa| Politica&Massoneria. Dichiararsi è trasparenza. “C’è la legge, applichiamola” -Video

16 Novembre 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Politica&Massoneria. Dichiararsi è trasparenza. “C’è la legge, applichiamola”<span class='video_title_tag'> -Video</span>
Politica
0

Molti lo hanno indicato come  un atto coraggioso, in effetti, quello dei tre consiglieri comunali del gruppo Democratici per Siracusa è un atto dovuto in nome della trasparenza: ogni consigliere, amministratore pubblico ha il dovere di dichiarare “apertis verbis” la sua eventuale appartenenza a logge massoniche o società segrete. Di qualunque natura.

C’è una legge, del resto, che lo richiede, la cosiddetta legge Fava del 2018, da poco recepita dall’Ars e di conseguenza da tutti gli enti pubblici siciliani. Ecco perche l’azione dei tre consiglieri del gruppo Democratici per Siracusa assume l’aspetto “pioneristico”.

Come ha spiegato stamane in conferenza stampa Michele Buonomo, questo passaggio non è altro che “recepire la legge in nome della trasparenza”. Non ci sarà, da oggi, al Vermexio una “lavagna buoni e cattivi”, solo un atto di presa di coscienza e di verità nei confronti degli elettori che hanno dato mandato ai consiglieri di rappresentarli al Palazzo di Città. “Dichiarare di appartenere, pertanto, a sette segrete o logge massoniche, servirà meglio a fugare da ogni eventuale dubbio, giustificato in qualsiasi cittadino, sull’essere asserviti o meno a delle logiche segrete o probabili comitati d’affari sotterranei (vedi il caso mondiale di Licio Gelli o della P2)” .

Perchè non è stato mai fatto prima? “A parte che la legge regionale esiste da pochi mesi e solo oggi ci impone di “dichiararsi” pubblicamente – sottolinea Buonomo -, Non è mai stata fatta prima, probabilmente, perche si è dato sempre per scontato che questo modello socio culturale esistente non avrebbe mai potuto intaccare l’attività dell’amministrazione pubblica. Ma la storia ci conferma il contrario. Non a caso il presidente dell’Antimafia regionale Claudio Fava ha voluto portare avanti questa iniziativa legislativa contro i sedicenti comitati d’affari con probabili ingerenze anche di natura criminale o i cosiddetti “conflitti di’interessi” assai frequenti nella politica”.

“Ritengo che quando viene emanata una nuova legge che riguarda i rappresentanti delle istituzioni pubbliche è doveroso dare seguito ed aderire alla nuova norma” – sono queste le parole del consigliere comunale Salvatore Costantino, dopo l’approvazione, in Sicilia come prima regione d’Italia, in cui i parlamentari regionali hanno l’obbligo di dichiarare l’eventuale iscrizione ad una loggia massonica. Un disegno di legge, quello approvato da pochissimo dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Un provvedimento che ha visto, per quanto concerne Siracusa, come primo firmatario il consigliere Andrea Buccheri seguito a ruota dal consigliere Salvatore Costantino e dal consigliere Michele Buonomo. I tre consigliere hanno illustrato, questa mattina in conferenza stampa, il contenuto di una proposta importante portata in consiglio comunale per una maggiore trasparenza.

“Nel caso specifico – dice Costantino – vedo questa nuova norma come una cosa positiva in quanto, a mio avviso, ogni rappresentante delle istituzioni ha determinati obblighi che lo spingono non solo alla dichiarazione dei redditi, di quote azionarie ma anche alla maggiore trasparenza”.

“Ricoprendo un ruolo pubblico – dice il consigliere Salvatore Costantino – è doveroso, per chi ricopre un ruolo istituzionale deve sapere che deve dichiarare l’eventuale iscrizione ad una loggia massonica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com