breaking news

Siracusa| Politiche. Reazioni. Prestigiacomo (FI): “Pronti a rinunciare al sindaco”

Siracusa| Politiche. Reazioni. Prestigiacomo (FI): “Pronti a rinunciare al sindaco”
Politica
'
0

In un clima di “maggioranze risicate”, nuovo bipolarismo, voto di protesta che sancisce vittorie inaspettate, è Forza Italia a predicare “prudenza coi dati e le cifre del successo”. Che a Siracusa il partito di Berlusconi partisse svantaggiato era già nello stato delle cose e nei primi sondaggi alla vigilia del voto.

A dato tratto, Stefania Prestigiacomo, pietra miliare alla Camera sin dall’esordio del ’94 e fedelissima della prima ora del Cavaliere, non lesina di fare gli auguri di buon lavoro agli avversari pentastellati Ficara, Pisani e alla già nota Marzana, e aggiunge che “se sarà eletta in Parlamento cercherà di fare squadra per difendere gli interessi locali”.

L’analisi del voto secondo Prestigiacomo? Uno su tutti,  il crollo del PD, sicuramente grazie allo tsunami Cinquestelle, soprattutto al Sud. Proprio come accadde per il centrodestra nel 2001. Adesso tutti gli scenari sono possibili. Resta il nodo Di Maio-Salvini. Si parleranno? E, ancora, che rapporto ci sarà tra Forza Italia e Lega, vincitore indiscusso? L’ex ministra ammette l’effetto-onda emotiva in seguito al caso della ragazza fatta a pezzi a Matera da un extrtacomunitario. “Ha fatto crescere la Lega in maniera esponenziale, psicosi e paura hanno decretato il successo di Salvini”.

Ma a livello locale, Forza Italia ha un altro sassolino nella scarpa: i fratelli Cannata. “In un video su FB il sindaco di Avola avrebbe palesamente invitato gli elettori a votare Cinquestelle e non Forza Italia. Conseguenza dei dissapori sorti solo dopo le regionali e la vittoria “azzurra” della sorella del sindaco, Rossana Cannata. “Luca non ha nessun titolo per parlare di FI perche in realtà si professa civico – risponde secca Prestigiacomo – ha fatto un pubblico endorsement per i cinquestelle. Non avrebbe fatto la differenza se si fosse impegnato a favore nostro, non avrebbe sicuramente inciso al cospetto dello tsunami pentastellato!” – raddoppia la dose contro il sindaco avolese.

Una campagna elettorale fatta “a pancia a terra” quella di FI. “Abbiamo girato in lungo e largo la Sicilia. A livello regionale al momento usciamo fuori con un 20%, abbiamo imcrementato anche a Siracusa dopo gli esiti regionali – fa sapere Prestigiacomo – E per le amministrative di maggio? FI è disponibile a rinunciare anche alla poltrona di sindaco di Siracusa, purchè ci sia un’alleanza, la più ampia possibile, perche abbiamo ben presente la cifra dell’avversario”.

Ma la forzista esclude ogni possibiità di primarie del centrodestra. “‘Lo ha abbandonato anche il PD perchè si è rivelato alle volte un grande imbroglio! – esclama -. Piuttosto, occorre cercare quella figura che possa aggregare il maggior numero di cittadini ed il loro alto gradimento”.

Quindi, un candidato di diritto potrebbe essere Ciccio Midolo? Per Stefania Prestigiacomo il risultato della Lega è sorprendente, ha assorbito il voto di protesta che non è andato ai Cinquestelle, ma il ruolo eccezionale del movimento di Salvini non sdogana Midolo da qualche perplessità. Forse l’azzardo verso un governo dalle larghe, improbabili, intese sotto una buona stella? Almeno, una. (r.t.)

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com