breaking news

Siracusa | Primarie nella provincia

Siracusa | Primarie nella provincia
Politica
'
0

Zappulla e Landro di ArticoloUno: “Il risultato siracusano di Fava conferma che esiste un forte radicamento della sinistra e poi… alcune situazioni imbarazzanti”

“Claudio Fava nella provincia di Siracusa con quasi il 28% supera di molto il dato regionale che lo vede al 23%. Vince ad Avola, a Palazzolo, a Sortino, a Noto. Straordinario inoltre il risultato di Augusta dove Fava prevale con oltre 100 voti di differenza sulla vincitrice. Anche il risultato di tanti altri Comuni pur ridimensionato (Floridia, Lentini, Pachino) ha dimostrato l’esistenza di un’area politica, culturale e valoriale di sinistra che merita considerazione e rispetto. Una rete di militanti, di donne e di uomini, alcuni anche non riconducibili ai partiti, che hanno dispiegato impegno, passione e mobilitazione e da loro ripartire per rilanciare le idee e le battaglie per il lavoro e i diritti anche nella provincia di Siracusa” – a dichiararlo sono Pippo Zappulla e Antonino Landro segretario regionale e provinciale di ArticoloUno. 

“Abbiamo atteso che si tenessero le primarie perché ben altre nubi vi si addensavano e, a scanso d’ogni equivoco, riconosciamo la legittimità dell’esito che vede la Chinnici candidata alla Presidenza dell’intero campo progressista siciliano ma non riteniamo dignitoso fare passare nel silenzio quanto è accaduto negli ultimi gionri prima del 23 luglio in alcuni Comuni della provincia di Siracusa – dichiarano Pippo Zappulla e Antonino Landro. “Senza volere entrare nelle beghe interne agli altri partiti – dicono Zappulla e Landro – certi nodi andrebbero sciolti negli organismi di partito, invece abbiamo visto scendere in campo Sindaci, aspiranti candidati, Sindaci amici di altri Sindaci aspiranti deputati che hanno visto lievitare le registrazioni in modo platealmente anomalo sulla base delle quotazioni di un candidato rispetto all’altro”.

“Lo diciamo senza volere mettere in discussione la legittimità del risultato, nulla di illegale ma di eticamente e politicamente anomalo certamente. Anche perché il degrado della politica – concludono Zappulla e Landro –  affonda le proprie radici e ragioni anche in occasioni come questa dove, lo confessiamo, abbiamo provato imbarazzo. Speriamo proprio di non essere i soli a provare una simile sensazione”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 522

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *