breaking news

Siracusa| Rogo via Elorina, si è temuto l’effetto domino

Siracusa| Rogo via Elorina, si è temuto l’effetto domino
Cronaca
'
0

Pare che tutto sia partito da una saldatura andata a male all’interno dell’autofficina adiacente la pizzeria, ma è toccata al Tropi&co piangere i danni di un incendio vasto quando diffiicile da domare.

I vigili del fuoco hanno lavorato tutta la mattina per spegnere le fiamme che hanno completamento “inghiottito” il ristorante. Traffico in tilt, stamattina una lunga coda si è formata lungo via Elorina che, per questioni di cautela, era stata chiuso al traffico giornaliero.

La zona dove si è sviluppato il rogo è stata pericolosamente messa a rischio. Come si sa, via Elorina è un’arteria assai trafficata di giorno. Poteva succedere veramente il peggio, come una esplosione a catena: dall’autofficina, alla pizzeria e al distributore di benzina accanto. E’ andata più che bene.

Secondo le prime ricostruzione dei vigili del fuoco, le fiamme si sarebbero propagate dal tetto dell’officina, a causa di una saldatura, e passate in pochi secondi nei locali della pizzeria adiacente. Non sono mancati attimi di tensione: si temeva che le fiamme si spingessero sino alle bombole di gas della cucina. Ma per fortuna, il rogo è stato circoscritto subito ed abilmente dai soccorritori che hanno cosi allontanato ogni pericolo per i passanti e che l’incendio coinvolgesse anche i cavi dell’Enel.

Difficili, come già detto, le manovre di spegnimento: il tetto in legno del locale non ha di certo aiutato a semplificare l’operazione comunque ben condotta dai Vigili del Fuoco. Sul posto anche la polizia.

Una via particolarmente sfortunata via Elorina in questo ultimo periodo sono stati ben tre gli episodi sfortunati con il fuoco: l’autobus di linea che sale verso le “due colonne” che prende fuoco improvviamente con i passeggeri a bordo; un esercizio commerciale due giorni fa, e stamattina intorno alle 10 la pizzeria.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *