breaking news

Siracusa | Sciopero generale Cobas: lunedì presidio in piazza Pancali

Siracusa | Sciopero generale Cobas: lunedì presidio in piazza Pancali
Sindacale
'
0

Si svolgerà lunedì mattina a partire dalle 10,30 il presidio in via Pancali a Siracusa organizzato dai Cobas.

Con il Recovery Fund e l’emissione di Eurobond l’Unione Europea ha avviato una politica economica incentrata sulla spesa pubblica in deficit, in controtendenza rispetto alla fase dell’austerità. Secondo i COBAS tale svolta va resa strutturale, a partire dalla cancellazione del debito pubblico detenuto dalla BCE e dalle Banche centrali nazionali, che per l’Italia ammonta al 20% circa del debito complessivo. Il PNRR  italiano e degli altri paesi dimostra che non vi è stata invece una svolta nell’uso di tale massa di denaro, con elementi di continuità con la fase neoliberista.

Con questo sciopero generale i COBAS  puntano ad una radicale inversione di tendenza, rivendicando: La riduzione del tempo di lavoro a parità di salario per contrastare la disoccupazione dovuta all’informatizzazione e robotizzazione della produzione; un lavoro di qualità in termini di diritti, con il ritorno al contratto a tempo indeterminato come regola generale, l’innalzamento dei salari reali anche con un salario minimo legale europeo, l’abolizione del Jobs Act e della riforma Fornero sui licenziamenti individuali e collettivi; parità salariale per le donne; no allo sblocco dei licenziamenti; no alla sospensione del reddito per mancanza di Green pass; sì alla soppressione di appalti e subappalti, con internalizzazioni a partire dal pubblico impiego; la rivalutazione delle pensioni attuali e pensioni pubbliche garantite ai giovani; un reddito effettivamente universale, esteso anche alle/ai migranti, che rafforzi il potere contrattuale dei  lavoratori/trici; il rafforzamento dei sistemi ispettivi e del ruolo delle RLS, per una reale sicurezza sul lavoro, maggiori  sanzioni per i datori di lavoro inadempienti; L’effettiva inversione di tendenza rispetto ai disastri ecologici e al cambiamento climatico provocati dal capitalismo, evitando operazioni di green washing; il rilancio dello stato sociale, tramite i seguenti interventi:

Investimenti nella Scuola pubblica, con la riduzione del numero di alunne/i per classe, l’aumento degli organici con l’assunzione di docenti con 3 anni di servizio e Ata. Per interventi immediati e di lungo periodo nell’edilizia scolastica e nei trasporti locali; 2)investimenti nella SANITÀ PUBBLICA, con l’assunzione a tempo indeterminato di operatori/trici sanitari/e,  medici, potenziando la medicina sul territorio e nelle scuole, contro l’aziendalizzazione e la privatizzazione della sanità; per la sospensione dei brevetti e l’esportazione dei vaccini e della tecnologia per produrli in loco come strumenti indispensabili per la lotta alla pandemia; 3)potenziamento del TRAPORTO PUBBLICO, invertendo la tendenza rispetto alla privatizzazione e aziendalizzazione degli ultimi decenni, con il ritorno alla gestione diretta da parte dei soggetti pubblici. Contro la repressione degli scioperi e delle lotte sociali, per una vera democrazia nelle aziende: contro il monopolio delle organizzazioni sindacali concertative, per dare ai lavoratori/trici il potere di decidere chi deve rappresentarli. Nella provincia di Siracusa, i Cobas denunciano il fallimento delle Amministrazioni locali in materia di politiche sociali, di tutela dei beni comuni (qualità dell’aria, acqua pubblica), di salute pubblica (inquinamento industriale che continua a provocare patologie mortali e invalidanti). A Siracusa hanno aderito al presidio COBAS SCUOLA Siracusa: PRC, Siracusa Ribelle, Sportello Sociale Borgata, PCI, appuntamento lunedì 11 ottobre, alle ore 10:30 al Tempio di Apollo.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com