breaking news

Siracusa| Scuola. Sit in delle mamme, “Prossima”: “Facciamo rete”

10 Settembre 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Scuola. Sit in delle mamme, “Prossima”: “Facciamo rete”
Politica
'
0

Mamme arrabbiate scendono in piazza: scuola carente. “Prossima” suggerisce: “Una rete operativa tra scuola, Comune e famiglie”.

Mentre in atto il sit in delle mamme sotto Palazzo Vermexio per avere garantiti diritti certi allo studio (doppi turni, scuole inagibili, crollo soffitti, refezione, etc) la coscienza civica prende posizione sulla questione sociale che investe tutti i quartieri della città. Scuola ed educazione sono elementi fondamentali per una comunità che intende investire sul futuro. “Sarebbe opportuno fare capire all’Amministrazione che è impensabile che gli asili nidi comunali non vengano aperti – dicono le mamme – Piu di 500 famiglie subirebbero gravi disagi: queste mamme a chi possono affidare i propri figli per andare a lavorare? In un periodo cosi tecnologicamente avanzato non si può pensare di vivere senza i servizi basilari forniti dalla Pubblica amministrazione. Troviamo una soluzione!”.

Il movimento “Prossima”, dal canto suo, ribadisce la necessità di creare una rete tra il mondo scolastico, l’ente comunale e le famiglie. Dalla scuola passa l’unico vero investimento di questa città. E per investire serve programmare e scandire tempi concreti per la realizzazione di ogni singolo servizio. Questo deve fare l’amministrazione.

Questo il punto cardine dal quale ripartire viste le oggettive difficoltà di questo avvio del nuovo anno scolastico per il quale c’è veramente ben poco da festeggiare e celebrare. Le vicende riguardanti gli asili nido, la refezione scolastica ed il mancato avvio dei servizi Asacom e trasporto degli alunni disabili, ai quali si aggiunge la mancata assegnazione ai bambini degli insegnanti di sostegno, sono i punti dolenti di questo settembre. Il mondo della scuola, come detto più volte, deve restare prioritario nell’agenda di qualsiasi amministrazione.

Per quanto riguarda gli asili nido chiediamo che i funzionari velocizzino le verifiche necessarie al riavvio del servizio nei locali comunali. Se resta impossibile ipotizzare una gestione in house degli asili, è altrettanto necessario fare presto e recuperare quel tempo che, probabilmente, si è perduto negli ultimi mesi.

Per il servizio di refezione scolastica, che questo Comune, con grande senso di responsabilità, ha digitalizzato negli ultimi anni coinvolgendo anche, primo in Sicilia, insegnanti e genitori nella formazione della Commissione mensa, facciamo appello a questa amministrazione affinché faccia trovare pronto il nuovo Bando da pubblicare dopo l’approvazione del bilancio di previsione da parte del Consiglio comunale.

Siamo certi che i consiglieri comunali tutti sapranno operare consapevolmente e rapidamente a sostegno di questo fondamentale servizio. Un bilancio che, come sostenuto grazie alla condivisione tra amministrazione, gruppi consiliari e genitori, avrà ancora quella parte di somme destinate all’edilizia scolastica e ricavate dal taglio ai gettoni di presenza dei consiglieri comunali. Somme che, ovviamente, sono insufficienti a garantire interventi di manutenzione ordinaria agli edifici scolastici della città.

La sicurezza delle scuole, frequentate da migliaia di persone, tra personale insegnante, amministrativo e alunni, deve restare l’unica priorità attorno alla quale eliminare qualsiasi divisione o differenza politica. Sensibilità che, adesso, tutta la politica, deve trasformare in attività concreta per il reperimento di fondi necessari alla “cura” di tutti gli istituti comprensivi.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com