breaking news

Siracusa| “Social e società, sfogliare il tablet in famiglia”

Siracusa| “Social e società, sfogliare il tablet in famiglia”
Attualità
'
0

E’ il tema del seminario per la formazione dei giornalisti che si svolgerà sabato 27 maggio 2017 dalle ore 10, nel Salone “Mons. Ettore Baranzini” della Basilica Santuario Madonna delle Lacrime a Siracusa.

L’incontro è stato organizzato dall’Ucsi Siracusa e dall’Ufficio della Pastorale delle Comunicazioni sociali  e Cultura dell’Arcidiocesi di Siracusa in occasione della 51^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali che verrà celebrata domenica 28 maggio 2017.

Il seminario è promosso dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, dall’Assostampa di Siracusa,  da Ucsi Sicilia e Fisc Sicilia e la collaborazione del settimanale diocesano “Cammino” di Siracusa e di  Radio Una Voce Vicina in Blu. Relatori saranno Rosa Maria Di Natale, giornalista professionista freelance, che parlerà di “Facebook e giornalismo: analisi e strumenti utili”; Gaetano Scariolo, giornalista professionista, che si soffermerà su “L’informazione sulla carta stampata nell’era di internet” e don Marco Catalano, direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali e incaricato diocesano per i servizi informatici della diocesi di Acireale, che concluderà parlando de “L’influenza che i social media hanno sui giovani e nelle famiglie”.

Il seminario sarà aperto da monsignor Maurizio Aliotta, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali e Cultura dell’Arcidiocesi di Siracusa, e Salvatore Di Salvo, presidente provinciale Ucsi Siracusa e consigliere nazionale Ucsi. Porterà i saluto Santo Gallo, consigliere Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. “I social media si stanno posizionando ormai al centro della nostra vita – ha detto il presidente dell’Ucsi di Siracusa –  ci permettono di fare tante cose: soprattutto comunicare, cercando e diffondendo informazioni, senza staccare lo sguardo da un semplice display. tra gli strumenti che hanno cambiato la vita negli ultimi anni troviamo al primo posto proprio i social, con gli smartphone al secondo posto. I nuovi social hanno messo in crisi l’informazione sulla carta stampata. Ma come i giovani e i meno giovani utilizzano i social all’interno della famiglia. “Come ci insegna Papa Francesco –  continua  – non dobbiamo avere paura di abitare le nuove periferie, i nuovi spazi che non siamo abituati, come Chiesa, a frequentare. Anzi, dobbiamo essere consapevoli che è lì, nei social network, che le persone si ritrovano e trascorrono la maggior parte del loro tempo. “Uscire, testimoniare, educare, trasfigurare– aggiunge Salvatore Di Salvo – sono quattro verbi che possiamo trarre dall’Evangelii Gaudium e dei quali possiamo fare tesoro per vivere nel web come cristiani che vogliono dare un contributo alla società e al bene comune”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com