breaking news

Siracusa| Stefano Zito (5stelle) il più votato. Di Maio: “Grazie Sicilia, ora vado da Mattarella”

6 Novembre 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Stefano Zito (5stelle) il più votato. Di Maio: “Grazie Sicilia, ora vado da Mattarella”
Politica
0

Zito (5Stelle) il più votato: “Da neofita mi sono impegnato sia a Palermo che a Siracusa. Sono stato premiato per questo”. Di Maio a chiusura della competizione: “Grazie Sicilia, col vostro voto andremo da Mattarella a chiedere di prendere l’incarico di governo”.

Siracusa ha dato una bella dimostrazione rispetto alle città metropolitane Catania Messina e Palermo. Il dato piu sconfortante è quello dell’affluenza. Meno degi aventi diritto. Non dovrebbero lamentarsi allora. Il meglio che potevo da neofita della politica. Quando fui eletto pensavano che non sarei stato in grado di fare chissa quali grandi cose.

La gente oggi mi ha premiato. Stefano Zito (Movimento CinqueStelle): “Sono stato uno dei deputati più produttivi, più presenti Assemblea Siciliana. Ma mi sono occupato anche di dare voce alle istanze del territorio occupandomi spesso della provincia e del Comune di Siracusa al di là dei temi strettamente regionali.

“Il nostro è un voto di opinione, non sono voti di clientela, non abbiamo mai dato in cambio qualcosa. Pur non essendo simpatici. Penso che un politico non deve essere simpatico per forza alla gente. Deve fare, semmai, gli interessi della collettività non dell’amico a cui ha fatto un favore”.

Il candidato presidente Cancelleri non ce l’ha fatta ma perde con dignità. Il voto libero, consapevole, bello servirà per serrare le fila per le prossime politiche e comunali. Una vittoria infangata dagli imprensentabili, quella del centro destra – ha esclamato Luigi Di Maio trattenuto ancora in Sicilia -. Gli astenuti si pentiranno di non andare a votare. Se qualcuno fosse andato a votare forse ce l’avremmo fatta a cambiare tutto in un solo giorno. I nostri interlocutori saranno sempre i cittadini rassegnati”.

“Il PD è ai minimi termini. Noi parleremo con quella parte del Paese che non è andata a votare, non con Renzi o Berlusconi. Grazie ai siciliani penso consapevolezza di questo fatto: sfruttare la grande rete di gruppi responsabilizzati sparsi per l’Italia. Credo che nei prossimi mesi l’onda ci potrà portare a chiedere al Presidente della Repubblica di prendere l’incarico di governo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com