breaking news

Siracusa | Torneo social dei sindaci, Ternullo “Che squallore l’acquisto dei likes”

3 Febbraio 2022 | by Redazione Webmarte
Siracusa | Torneo social dei sindaci, Ternullo “Che squallore l’acquisto dei likes”
Politica
'
0

Il toto sindaco sui social, su chi ottenesse il più alto indice di like, ha scatenato l’ira del deputato regionale forzista Daniela Ternullo, che ha motivato la propria contrarietà sulle votazioni manipolate a favore di alcuni Sindaci della provincia di Siracusa impegnati in questa competizione on line.

“Quanto accaduto in questi giorni su Facebook in merito alla competizione tra i sindaci del siracusano, per chi ottenesse il più alto indice di gradimento, ha dell’increscioso oltre che dello squallido. – ha detto Ternullo – La testata organizzatrice ha giustamente sospeso l’iniziativa, in quanto viziata dall’inquinamento dei voti verso il sindaco di Melilli e quello di Avola. Voti spudoratamente acquistati su piattaforme alternative, che in pochi minuti fanno schizzare il gradimento alle stelle ma che, se guardiamo i profili, o sono falsi oppure provenienti dagli angoli del mondo più disparati. Ciò è foriero di una seria riflessione: fino a dove ci si può spingere per sostituire l’apparenza alla sostanza? Chi ha agito secondo la logica della malafede, ha inficiato un’iniziativa che ha comunque coinvolto sindaci a fine mandato, con quelli che invece lo hanno appena iniziato. Ad ogni modo, ciò che emerge è che per vanagloria si è calpestata la reale volontà dei votanti”.

L’auspicio di Ternullo: “A questo punto spero – conclude la parlamentare – che siamo tutti d’accordo che i social network non sono il termometro della realtà, la quale al loro interno è purtroppo facilmente manipolata da chi dispone di capitali da investire. Spero che si faccia luce su quanto accaduto, sulla matrice, su chi sapeva e magari ha taciuto o ne ha tratto vantaggio. Spero soprattutto che, al di là del caso specifico, chi utilizza con dinamiche abituali i canali istituzionali per fare politica, la smetta di giocare e, nel  rispetto dei propri concittadini, pensi a lavorare”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *