breaking news

Siracusa| Vermiglio vuole i parchi autonomi

Siracusa| Vermiglio vuole i parchi autonomi
Politica
'
0

L’assessore regionale assente al convegno sui beni culturali, era all’Elettra. “Non sono stato informato”

Quella sedia lasciata vuota dall’assessore regionale Carlo Vermiglio ieri alla Camera di Commercio proprio quando si parlava di fruizione di beni culturali in Sicilia ha fatto rimanere non bene gli organizzatori e parte del PD. Come il vicesindaco Francesco Italia che non vedeva l’ora di chiedere all’esponente del NCD in giunta Crocetta che fine avessero fatto i fondi dello sbigliettamento dei siti culturali, vedi parco della Neapolis, da due anni bloccati a Palermo. Ci è rimasta male anche la deputata regionale PD Marika Cirone Di Marco autrice di una lettera aperta nei giorni scorsi a Vermiglio sulla condizione indecorosa in cui versano i siti archeologici della Sicilia, erbacce e sterpaglie ovunque. Insomma, Vermiglio dove era ieri? L’assessore era a Siracusa, si, ma a vedere Elettra al Teatro Greco. “Non mi hanno nemmeno avvisato – dice Vermiglio – hanno messo il mio nome sul programma del convegno senza che mi informassero”. I soldi della Neapolis? “Non devono chiedere a lui che fine hanno fatto ma al PD che ha governato nei due anni prima di Vermiglio” – rincara la dose Enzo Vinciullo. In una parola “Autonomia”. Questo è emerso dopo il sopralluogo dei siti culturali stamane dell’assessore Carlo Vermiglio accompagnato dal “suo” deputato regionale. Passati in rassegna il Castello Eurialo, fortezza straordinaria bellezza ma chiusa al pubblico per motivi di gestione e mancanza di personale. Ogni tanto vanno i Marines con i volontari dell’ambiente a togliere sterpaglie. Stamattina erano una ventina di forestali con decespugliatore a farsi spazio tra la “selva dell’incuria”. Stesso disdoro anche al Parco della Neapolis, all’Anfiteatro Romano, all’Ara di Ierone, così come al Ginnasio Romano. Soluzione? Solo una: autonomia. E l’assessore è completamente d’accordo. “Tutti i parchi devono essere autonomi dalla Regione – sottolinea Carlo Vermiglio – solo così non si avranno problemi di sbigliettamento o di fruizione o di pulizia. Altra parola chiave: aprire ai privati. E’ doveroso dinnanzi a un problema di reperimento fondi e di canali istituzionali bloccati. Naturalmente sarà un do ut des, il privato vorrà il business noi però avremo parchi puliti e fruibili. Business, lo do per scontato, sempre nel tempo e nelle misure corrette”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com