breaking news

Siracusa| Villa Reimann “incustodita” e senza parco

5 Dicembre 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Villa Reimann “incustodita” e senza parco
Cronaca
'
0

Allarme del Comitato Save Villa Reimann: durante i lavori di ristrutturazione qualcuno avrebbe lasciato il portone aperto col rischio che chiunque potesse entrare e rubare. Lo Iacono: “Eventuali ammanchi dovranno essere imputabili  agli autori del disservizio e  perseguiti   penalmente”. Altra denuncia sul parco chiuso da un anno.

Ci è stato riferito che venerdì scorso verso le 12 circa, il portone d’ingresso della villa Reimann, affidata con convenzione del 8 maggio 2006 al Consorzio Universitario Archimede, è stato trovato aperto e tale  è rimasto per diverso tempo,  lasciando incustodito tutto quanto   si trova all’interno”. Il monito parte dal comitato Save Villa Reimann e parla di gravi responsabilità: “Sappiamo che dall’inizio dei lavori di ristrutturazione la responsabilità della custodia è demandata a personale comunale che evidentemente non ha assolto correttamente tale  incarico”.

“Infatti, come  riferito dai dipendenti dell’impresa che stavano, in quel momento,  eseguendo i lavori di restauro nella dependance, chi doveva essere presente si era allontanato lasciando il portone della villa  spalancato. Save Villa Reimann  richiede pertanto l’intervento dei Dirigenti responsabili affinchè venga  censurato tale  comportamento e venga disposto il controllo dell’effettiva presenza del personale incaricato. Occorre anche sottolineare che la responsabilità di eventuali ammanchi dovrà essere imputabile  agli autori del disservizio e  potrà essere  perseguita   penalmente”.

Il comitato si spinge oltre. Denuncia le reali condizioni del Parco e la conduzione del verde della Villa che “rappresenta la vera eccezionalità dell’intera proprietà Reimann per la varietà delle essenze e per la presenza di vere e proprie rarità botaniche che in un’altra città avrebbero fatto certamente pensare alla istituzione di un Orto botanico ma che da noi è sottovalutata o addirittura ignorata”.

A futura memoria”, dice Lo Iacono –  vogliamo ricordare come siano stati disattesi gli interventi che sarebbero stati utili alla riapertura del Parco di Villa Reimann, inopinatamente chiuso dall’ 8 ottobre del 2014 per disposizione del Dirigente del Settore Cultura e dell’Assessore al ramo”.

Da diversi anni   il Comitato Save Villa Reimann, attraverso interventi indirizzati agli organi competenti, ha cercato di sollecitarli per ottenere la riapertura del Parco che dovrebbe essere liberamente fruito dai Cittadini   essendo stato oggetto di due recenti appalti: all’Azienda Manutencoop per la cura del verde e all’Azienda Erga Group per la valorizzazione turistica e culturale.

L’Azienda Manutencoop, dopo essersi aggiudicata  nel  febbraio  del 2016 la gara per la manutenzione del verde relativa al Lotto D, ha a sua volta sub-appaltato il servizio alla stessa ditta che precedentemente lo aveva avuto affidato dall’Azienda IGM, ma che in effetti non risulta ottemperare alle disposizioni indicate nel capitolato, né provvedere alla pulizia delle  antiche saje per l’irrigazione,  ormai manufatti unici nel panorama delle Ville Ottocentesche di Siracusa né alla rimozione di piante infestanti, o peggio, di alberi tuttora divelti ed inclinati paurosamente, né al  reimpianto degli alberi e delle specie scomparse, tra cui la rarissima muehlenbeckia platyclados”.

“Tra l’altro nessun progetto per gli  interventi invasivi di espianto è stato mai presentato sebbene la Soprintendenza di Siracusa lo avesse richiesto con lettera prot n° 11485 del 24.8.2016. L’Azienda Erga Group che nel 2015 ha avuto in appalto il servizio di gestione, fruizione e valorizzazione del Parco di Villa Reimann, dopo alcune visite guidate ed un paio di eventi turistici all’interno del Parco della Villa ha sospeso il servizio e non ha mai aperto, neanche per un’ora, il sito in questione nonostante l’esplicito onere indicato nel capitolato di gara. Su queste inadempienza contrattuali abbiamo ripetutamente chiesto all’Amministrazione Comunale verità e trasparenza; l’ultima lettera   di sollecito in tal senso, prot. Assessorato ai BB.CC n° 883, risale al 10 aprile 2017  e non ha ottenuto alcun esito”.

Perdurando ancora oggi, a distanza di oltre tre anni, l’impossibilità di utilizzare il Parco, importante e prezioso polmone verde della Città, Save Villa Reimann si vede costretta a rivolgersi alle massime Autorità cittadine per avere chiarezza sulla mancata apertura del sito e per individuare le responsabilità politiche e personali che hanno causato questa incresciosa situazione che priva i Cittadini siracusani dell’uso di un Bene donato loro dalla gentildonna danese Christiane Reimann non certo per tenerlo chiuso”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 61

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *