breaking news

Siracusa| Vinciullo cerca di calmare la rabbia dei 104

24 Ottobre 2016 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Vinciullo cerca di calmare la rabbia dei 104
Sindacale
'
0

Protesta singolare di due dipendenti dalla torretta del Consorzio Agrario e sul cornicione della Polizia Provinciale, gli altri lavoratori di Siracusa Risorse occupano la stanza del commissario del Libero Consorzio Arnone. Vinciullo: “Proseguiamo insieme l’occupazione, stanotte dormirò con voi”.

650x50_rassegna

Protesta singolare dei lavoratori della ex Provincia. Alla spicciolata arrivano gli interessamenti dei vari deputati regionali, tra questi Enzo Vinciullo, presidente della commissione bilancio all’Ars, che si è recato direttamente sul posto per spiegare la vera situazione ai lavoratori sempre più arrabbiati perchè senza stipendio da sette anni e senza un contratto di lavoro ancora definito. Frattanto prosegue la singolare protesta dei due dipendenti della ex Provincia contro i tagli imposti da Crocetta. Da sette mesi senza stipendio e cosi la disperazione profonda: ad arrampicarsi sulla torretta del Consorzio Agrario per prima è Nuccio che urla da 20 metri tutta la sua rabbia. A distanze di poche ore segue il suo esempio un altro collega, Bruno che sceglie come luogo della sua singolare protesta il cornicione della palazzina della Polizia Provinciale poco distante dalla torretta ove Nuccio continua a urlare sua disperazione: “Dove sono finiti tutti i nostri deputati e le loro promesse? Perchè non vengono qui a spiegarci come dobbiamo fare senza stipendio? Cosa daremo a mangiare alle nostre famiglie?”. Più o meno ha lo stesso tenore la rabbia di Bruno, lui è dipendente di Siracusa Risorse, società in house della ex Provincia coi suoi 104 precari per i quali domani è previsto un incontro con il commissario del Libero Consorzio Arnone, oggi assente dallo scenario drammatico iniziato alle prime luci dell’alba. (foto internet)

bloggif_57d1761565634

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *