breaking news

SMOG-SIRACUSA CITTA’ PIU’ INQUINATA

SMOG-SIRACUSA CITTA’ PIU’ INQUINATA
Attualità
0

Smog: maglia nera a Siracusa per giorni di superamento dei limiti di Pm10 e per la percentuale di raccolta differenziata. E’ emerso dai dati raccolti dall’Istat nel rapporto sugli Indicatori ambientali urbani, che ha analizzato 116 capoluoghi di Provincia. Dallo studio si evince che le citta’ italiane respirano meglio: nel 2009 e’ leggermente sceso l’inquinamento, ed e’ anche calata la produzione di rifiuti, mentre si registra un aumento della raccolta differenziata. Numerosi indicatori segnalano una riduzione delle pressioni ambientali generate da attivita’ antropica. In particolare, presentano un miglioramento i seguenti indicatori: il numero medio di superamenti del valore limite del PM10 (particolato con diametro minore di 10 micron) per la protezione della salute umana (-5,1% rispetto al 2008), i rifiuti urbani raccolti (-1,5%), il consumo domestico di acqua (-0,7%). Si rileva poi un aumento di quasi due punti percentuali della raccolta differenziata, la quale rappresenta il 30,4% della produzione di rifiuti urbani. Tra gli indicatori che presentano andamenti sfavorevoli si segnalano l’aumento dei motocicli per mille abitanti (+3,9%) e del tasso di motorizzazione (+0,4%), nonche’ la riduzione della domanda di trasporto pubblico (-0,7%). Rimangono pressoche’ stabili i consumi domestici di energia elettrica e gas nonche’ la densita’ di verde urbano. La maggiore sensibilita’ sulle tematiche ambientali ed energetiche dei comuni capoluogo e’ evidenziata dal fatto che, nel 2009, 28 comuni (erano 8 nel 2000), hanno fatto ricorso al teleriscaldamento. Inoltre, sugli edifici pubblici sono stati installati pannelli solari termici in 59 comuni (contro i 3 del 2000) e pannelli fotovoltaici in ben 69 comuni, quando nel 2000 solo Palermo adottava tale soluzione. Nel 2009 continua il miglioramento della qualita’ dell’aria, benche’ il numero di giorni di superamento del livello per il PM10 sia ancora elevato rispetto a quello previsto dalla normativa vigente. Infatti, nei 102 comuni che effettuano il monitoraggio del PM10, le centraline di qualita’ dell’aria hanno segnalato mediamente 54,1 giorni di superamento del limite, in diminuzione rispetto al 2008 in cui tale valor medio era pari a 57,0, ma sempre molto al di sopra dei 35 consentiti. Le migliori citta’ in questo senso sono Siena, Foggia e Andria, mentre la maglia nera va a Siracusa, Napoli e Torino. Per la percentuale di raccolta differenziata nelle prime tre posizioni per efficacia si trovano i comuni di Pordenone, Novara e Verbania, mentre nelle ultime posizioni si collocano i comuni di Siracusa, Messina e Iglesias, dove si registrano ancora percentuali inferiori al 10%; per la densita’ di superficie comunale destinata a verde urbano i migliori comuni sono Pisa, L’Aquila e Biella, mentre nelle ultime posizioni si collocano i comuni di Taranto, Olbia e Villacidro; per la domanda di trasporto pubblico, data dal numero di passeggeri trasportati nell’anno per abitante, troviamo nelle prime tre posizioni con maggior trasporto pubblico i comuni di Milano, Venezia e Roma, mentre nelle ultime posizioni si collocano i comuni di Villacidro, Sanluri e Carbonia; per i consumi di energia elettrica per uso domestico, infine, troviamo nelle prime tre posizioni con consumi minori i comuni di Campobasso, Matera e Potenza, mentre nelle ultime posizioni si collocano i comuni di Olbia, Cagliari e Carbonia. Complessivamente, nel 2009 Trento, Venezia, Bologna e Foggia occupano i primi quattro posti della classifica dei comuni piu’ rispettosi delle compatibilita’ ambientali, calcolata tramite una sintesi che tiene conto di tutti i principali indicatori di cause generatrici di pressioni ambientali e di risposte da parte delle autorita’. I comuni di Siracusa, Iglesias, Olbia e Catania si collocano nelle ultime quattro posizioni. Quanto ai trasporti, nel 2009 il tasso di motorizzazione (numero di autovetture per mille abitanti) dei comuni capoluogo di provincia e’ pari a 617,0, con un aumento dello 0,4% rispetto all’anno precedente e una variazione media annua, nel periodo 2000-2009, del +0,2%. Nei rimanenti comuni italiani tale indicatore si attesta a un livello inferiore (599,2), con una crescita dello 0,1% tra il 2008 e il 2009. Stabile nel 2009 anche la densita’ di verde urbano (percentuale sulla superficie comunale), relativa al complesso dei comuni capoluogo di provincia, che si attesta al 9,3%. (pri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com