breaking news

UN GRUPPO DI ESPONENTI PD RISPONDE A GENNUSO

12 Gennaio 2012 | by Redazione Webmarte
UN GRUPPO DI ESPONENTI PD RISPONDE A GENNUSO
Politica
0

“Onorevole Gennuso, abbiamo letto con amarezza e preoccupazione le sue dichiarazioni riportate dalla stampa qualche giorno fa. 

L’amarezza è dettata dalla rozzezza delle accuse e degli insulti che ha ritenuto di riservare all’onorevole De Benedictis, al quale esprimiamo la nostra solidarietà e la nostra stima. 

La preoccupazione è legata al messaggio che traspare nel suo ragionamento, in cui si esclude ogni possibilità che possa esistere una politica che non si occupi esclusivamente della spartizione del potere. Perciò ci teniamo a ricordare, a lei ma soprattutto ai cittadini che leggono di queste cose, che invece un’altra politica è possibile.” 

Comincia con queste parole la lettera aperta che quindici esponenti del Pd siracusano hanno scritto all’onorevole Gennuso, per replicare alle accuse che il deputato Mpa aveva lanciato all’onorevole Roberto De Benedictis, di portare avanti una politica tornaconti sta e di denunciare il mercimonio delle nomine negli enti economici solo perché il suo partito non gli avrebbe permesso di indicare nel Cda un esponente a lui vicino. 

La lettera continua: “C’è già una politica che si occupa di costruire scenari collettivi, di pensare al futuro comune e al suo bene, alle regole per stare tutti nello stesso contesto, i potenti di turno e gli altri. 

Per questo siamo impegnati nel nostro partito, assieme a tanti altri, ed altri ancora lo sono in partiti diversi, a lavorare per una politica diversa certamente dalla sua”. 

I quindici firmatari lanciano quindi un attacco al deputato Mpa, quando affermano: “Onorevole Gennuso, noi pensiamo che il degrado della politica sia in buona parte dovuto alla deriva di vecchi schemi che in ogni caso non ci sono mai appartenuti, all’arroganza e all’autoreferenzialità di certi suoi esponenti e auspichiamo che i partiti ritrovino la loro capacità di rappresentare e coinvolgere i cittadini, perché solo così potrà aversi il controllo reale degli eletti da parte degli elettori. 

No, onorevole Gennuso, non tutto è uguale. Provi a guardarsi intorno con sguardo più sereno e, se ci riesce, scoprirà anche lei che è così. 

Lei continui ad interpretare la politica nel modo che crede, finché gli elettori glielo consentiranno, ma ci risparmi lezioni su quella che lei evidentemente ritiene l’unica politica possibile.” 

La lettera è firmata da Michele Accolla, Salvo Adorno, Santo Armaro, Aldo Castello, Marika Cirone di Marco, Riccardo De Benedictis, Fabio Fazzina, Riccardo Gionfriddo, Nunzio Perrotta, Enzo Pupillo, Armando Rossitto, Liddo Schiavo, Tati Sgarlata, Giovanni Trigilio e Alessandro Zappulla. 
(mdf)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com