breaking news

UNDER 18, LA FINNOVA COSTANZO VOLLEY TERZA FORZA IN SICILIA

UNDER 18, LA FINNOVA COSTANZO VOLLEY TERZA FORZA IN SICILIA
Sport
0

Due soddisfazioni e una delusione per la Finnova Costanzo Volley, impegnata per due giorni a Caltanissetta, al Pala-Cannizzaro di contrada Pian del lago, nella finale a quattro di Under 18 femminile. Soddisfazione per il terzo posto e per essere stata a lungo all’altezza della vincitrice, l’On Off Martinez di Erice; delusione per quella partita di qualificazione persa al tie-break contro la Teams Volley Catania (seconda classificata) e che, con un po’ di fortuna, avrebbe potuto spalancare le porte della finalissima.
 La terza piazza, davanti a Comiso, consente alle siracusane di migliorare di una posizione il risultato dello scorso anno; ma è ancora più incoraggiante in chiave futura, visto che le ragazze schierate in campo sono per lo più classe ’96 con due ’97.
 “Una prestazione soddisfacente – commenta coach Raffaele Moscuzza – che analizzeremo soprattutto per lavorare sui punti deboli e per migliorarci in funzione del torneo Under 16, che ci vede impegnati nella finale provinciale e dove puntiamo alla finale regionale. Comunque un risultato positivo, se pensiamo che siamo stati ammessi alla final four Under 18 come migliore seconda classificata dei gironi interprovinciali”.
 Il cammino della Finnova a Caltanissetta è cominciato in salita. La gara di qualificazione la vede subito sotto contro Catania per due set a zero: 23-25 e 21-25. Poi c’è lo scatto di orgoglio e la ragazze di mister Moscuzza iniziano a macinare punti senza lasciare spazio di recupero alle avversarie. Nel terzo set le catanesi non vanno oltre quota 17; nel quarto si fermano a 20. Il tie-break è combattuto per due terzi, poi Catania prende il largo fino all’11-15 finale.
 La semifinale contro Erice è, sulla carta, proibitiva per la Finnova. Le trapanesi hanno i favori del pronostico e la fama di squadra compatta e di livello superiore; eppure per due set e mezzo le siracusane hanno tenuto botta giocando a viso aperto e senza timori reverenziali. Il primo parziale si chiude sul 23-25, poi c’è la reazione della Finnova, che conquista il secondo set per 25-19 e va avanti punto a punto fino al 15 pari del terzo. Sul 15-17 l’arbitro non si accorge del tocco del muro trapanese sull’attacco siracusano finito fuori dal campo; da quel momento, con tre punti di scarto, Erice sale in cattedra e fa suo il set per 16-25. Il quarto parziale è un monologo trapanese fino all’11-25.
 “Per quanto ci riguarda – afferma Moscuzza – due partite diverse, specie nel fondamentale delle ricezione che nel primo caso ha funzionato male e nel secondo match è stato più efficace. Bene la battuta, che in entrambi i confronti ha messo in difficoltà le avversarie; contro Catania, le fasi d’attacco dal centro hanno portato più frutti. Per la partita contro Erice, non posso che complimentarmi con tutte per il carattere che hanno mostrato nell’affrontare una squadra oggettivamente più forte e composta da atlete più grandi. Faremo tesoro di questa esperienza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com