breaking news

VISENTIN: CONSUNTIVO 2011

19 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
VISENTIN: CONSUNTIVO 2011
Politica
0

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: A tutti i siracusani e a voi giornalisti, un sincero e sentito augurio di un sereno Natale e di un fortunato 2012.
I temi della crisi economica e delle crescenti difficoltà dei comuni, e degli enti locali in generale, sono il leit motiv di questo ultimo scorcio di 2011. Ci stiamo lasciando alle spalle un anno ancora più complesso di quello precedente, perché la congiuntura negativa internazionale non solo non è superata ma, anzi, sta mostrando adesso la sua faccia peggiore. Sentiamo forte la responsabilità di dover coniugare vincoli di bilancio ed esigenze delle fasce più deboli della popolazione siracusana, garantendo una spesa sociale che riesca a far fronte, in maniera soddisfacente, a un domanda di welfare che la crisi rende più urgente.

Insisto da tempo sulle pesanti conseguenze del patto di stabilità che costringe gli enti locali a non utilizzare somme considerevoli, che nel caso di Siracusa ammontano a 5 milioni di euro per il 2011 e a 9 milioni per il 2012, ciò in un quadro di pesanti tagli da parte dello Stato e della Regione. Un effetto concreto di questa situazione lo verifichiamo con il blocco che abbiamo dovuto imporre a ben 13 opere pubbliche piccole e grandi, con riflessi sull’economia e sulla situazione occupazionale di decine di famiglie. Il 2011, tuttavia, si è chiuso con l’incoraggiante risultato riportato nella classifica sulla qualità della vita stilata dal Sole 24 Ore, con un recupero di 15 posizione. Ciò è il frutto degli investimenti che abbiamo fatto e stiamo facendo per l’affermazione di un modello di sviluppo basato sul turismo culturale.

Voglio cominciare questa disamina delle principali attività del 2011 dandovi un’anticipazione: in vista della scadenza quinquennale del 2012, è in fase di perfezionamento la bozza di linee guida per la revisione del piano regolatore generale. Pensiamo di stare gettando le basi per apportare gli aggiustamenti sollecitati in questi anni e per aprire con il consiglio comunale, molto attento alla materia, un confronto sereno nell’interesse della città.

Abbiamo cominciato il 2011 con la stabilizzazione di 208 precari storici, ai quali è stato dato un contratto a tempo indeterminato, e il percorso è stato completato con il riconoscimento delle mansioni superiori agli agenti di polizia municipale assunti, in un primo momento, con la qualifica di ausiliari del traffico. Abbiamo proseguito nel corso dell’anno con l’applicazione di contratti di diritto privato quinquennali a 61 Asu; adesso ci stiamo occupando dei 26 ex dipendenti della Rit che lavoravano per l’Ente. Facciamo tutto ciò che è possibile in una fase di crisi, per dare un futuro occupazionale ai nostri precari e per non disperdere competenze formate nel corso degli anni. Inoltre, il comune di Siracusa, a differenza di altre città siciliane, è riuscito a difendere la spesa sociale lasciandola invariata: lo dico con soddisfazione, come con soddisfazione annuncio che stiamo anticipando i tempi nell’introduzione del quoziente familiare. Ed ancora: abbiamo partecipato con successo a 4 bandi della Regione, che consentono di portare risorse aggiuntive alle casse del settore Politiche sociali, e altri soldi arriveranno come premio per l’andamento positivo dei progetti socio-sanitari.

Un fronte sempre caldo è quello della raccolta dei rifiuti. Nonostante le criticità, Siracusa vive una situazione soddisfacente e di gran lunga migliore di molte altre città siciliane, anche di dimensioni simili..

Mentre siamo in attesa che il consiglio comunale, ormai a breve, si pronunci sulle proposte di piano della mobilità e di piano del traffico adottati dalla Giunta, l’Amministrazione tenta di migliorare la viabilità rimodulando le linee urbane dell’Ast, così da raggiungere tutti i quartieri della città, compresi quelli fuori dalla cinta urbana come Tivoli; e presto partirà la gestione integrata dei parcheggi Molo e Talete e dei servizi di bus navetta, car sharing e bike sharing. Stiamo proseguendo con la progettazione e le pratiche di esproprio per la realizzazione dei marciapiedi nel secondo tratto di viale Scala Greca. Infine, stiamo lavorando a  due importanti progetti di riqualificazione: quello per le vie Tisia e Pitia e quello per via Agatocle. Per entrambi ci avvarremo di fondi europei assegnati dopo avere partecipato a bandi regionali.

Confermo i piani del Comune per la riqualificazione del Porto grande attraverso la realizzazione di infrastrutture fondamentali al rilancio della città in chiave turistica.
Restando in materia di opere pubbliche, ricordo a tutti, poi, il completamento del parco di via Ozanam, alla Pizzuta, e le progettazioni per il recupero della chiesetta del cimitero e per i collettori delle acque bianche. Una novità importante è in arrivo anche dal fronte dell’edilizia scolastica: è in fase di aggiudicazione l’appalto per la realizzazione della nuova scuola di via Calatabiano, che prenderà il posto di quella abbattuta negli anni scorsi per la presenza di amianto.

Per quanto riguarda l’attività dell’Ufficio per il centro storico, chiudiamo il 2011 con due risultati di assoluto rilievo: la trasmissione al consiglio comunale della proposta di piano particolareggiato di Ortigia e l’imminente consegna alla città dell’Artemision: il padiglione che consentirà di ammirare i resti del tempio ionico presenti sotto palazzo Vermexio.
Proseguono nel rispetto dei tempi, superati i ritardi per qualche delicata scelta di restauro, gli interventi al Teatro comunale. Il sogno di completare il Teatro entro la fine del 2012 si concretizza sempre più, e per quella data intendiamo raggiungere altri due obiettivi attesi da tempo: la fine del restauro del complesso di San Francesco d’Assisi, in via Gargallo, e della vicina ex Chiesa dei cavalieri di Malta.

Le Rappresentazioni classiche della Fondazione Inda si sono confermate come l’appuntamento culturale più importante dello scorso anno, con grande successo di pubblico e di immagine per la città. Nonostante le ristrettezze, il settore Politiche culturali ha messo in campo diverse iniziative, riuscendo a dare visibilità e lustro nazionale a Siracusa, unica città nell’Isola ad aver ospitato il “Padiglione Sicilia” della Biennale di Venezia. Da questa stagione turistica, inoltre, la città fa parte dei “Percorsi d’Europa” grazie all’itineraio “Sulle orme di san Paolo”. Ed ancora, la manifestazione “Siracusana è”, rassegna di arte, teatro, musica che ha ospitato oltre 60 eventi di artisti locali; la “Settimana della cultura” dedicata quest’anno alla lettura e alla valorizzazione dell’editoria locale; ricordo infine che “Luci a Siracusa”, una manifestazione della Regione resa possibile grazie alla collaborazione del Comune, così come quelle altre iniziative di grande livello nazionale che si svolgono in città attraverso l’iniziativa privata e come gli spettacoli estivi ospitati al Castello Maniace, rispetto alle quali il nostro intervento è fondamentale.

L’attività di Polizia municipale ha fatto registrare un incremento degli interventi in tutti i settori, dalla vigilanza e controllo sulle strade agli interventi in materia di infortunistica stradale, dai controlli annonari a quelli svolti alla tutela ambientale. Tutto questo impegno dispiegherà i suoi effetti benefici negli anni a venire, con la diffusione di una cultura della legalità e del senso civico, del rispetto e del decoro cittadino.
In questa stessa ottica si inserisce la lotta all’occupazione abusiva degli spazi da parte degli esercizi pubblici, che è stata una delle priorità di questa Amministrazione nel corso del 2011 insieme alla redazione del nuovo regolamento dei dehors. Al settore delle Attività produttive si è anche guardato sotto il profilo della semplificazione amministrativa, avviando il riordino delle funzioni dell’ufficio: la creazione dello sportello telematico permetterà al cittadino di avviare e concludere, in tempi ragionevolmente brevi, tutte le procedure burocratiche. L’accelerazione dell’iter autorizzatorio determinerà anche il potenziamento dei controlli annonari di concerto con la Polizia municipale. Ed inoltre, continuiamo a sostenere le iniziative fortemente legate al territorio e la valorizzazione dei prodotti locali del settore agroalimentare, dell’enogastronomia e dell’artigianato.

All’incremento dell’efficienza in favore dei cittadini è stata indirizzata l’attività dei Servizi demografici, quest’anno, per altro, impegnati anche con il 15esimo Censimento generale. In particolare, si è realizzato un monitoraggio che ha portato a una rimodulazione dei processi lavorativi, in parte alla luce delle nuove norme entrate in vigore. Nuovo impulso all’attività del Centro elaborazione dati è stato conferito con il rinnovo del contratto di servizio, mentre è stata implementata la corretta utilizzazione della posta certificata e della firma digitale da parte del personale comunale, con una ulteriore evoluzione del sistema informatico.

Forte è stato l’impegno per tagliare la spesa destinata alla locazione di immobili per uffici comunali. Al momento del mio insediamento essa ammontava 2 milioni 200 mila euro l’anno; oggi quella spesa è stata abbattuta del 25 per cento (in termini assoluti, 564 mila 224,70 euro) e il piano predisposto prevede una riduzione complessiva del 60 per cento alla fine 2012, con un risparmio di circa 1 milione 100 mila euro.
L’Ufficio patrimonio si sta occupando, inoltre, della vendita agli assegnatari dei 1.200 alloggi popolari, così da portare altre risorse altre risorse alle casse comunali. Sono state completate le compravendite della case popolari di via Bufardeci e via Andrea Palma, per un totale di 1 milione e mezzo di euro; per le altre, la società Gabetti (vincitrice dell’appalto) sta definendo le pratiche di accatastamento degli immobili.

Prossimamente sarà completamente liberato palazzo Impellizzeri, che per anni è stato la sede della facoltà di Architettura ormai interamente allocata all’ex caserma Abela. Lo storico immobile di via Maestranza accoglierà l’Istituto comunale di musica, finora ospitato in viale Regina Margherita, in uno stabile preso in affitto il cui contratto è scaduto a settembre, con un ulteriore risparmio di 20 mila euro l’anno. Ma per la scuola di musica ci sono novità anche sul terreno della didattica e delle prospettive per i musicisti in erba siracusani. Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il liceo musicale “Vincenzo Bellini” di Catania, che consentirà ai giovani siracusani di studiare uno strumento in corsi qualificati e di tenere a Siracusa gli esami per l’ammissione al conservatorio. Ciò sarà possibile perché cambiano profondamente i criteri di selezione dei docenti, che saranno scelti sulla base di un avviso pubblico che recepisce i programmi ministeriali e tiene conto di criteri validi in tutta Italia.

Infine, giovedì scorso abbiamo assegnato la gestione dei quattro campi di calcio. La questione è a tutti nota, così come sono note a tutti le ragioni di bilancio che ci hanno spinto a scegliere la strada dell’affidamento alle società sportive. Questo l’esito della gara: l’impianto di via Pachino sarà curato dalla Rari Nantes; quello di via Lazio dalla Enzo Grasso; Belvedere dalla Asd Sport; Cassibile dalla Polisportiva Cassibile. Per continuare con gli impianti di calcio, ricordo la convenzione che presto andremo a sottoscrivere con il Siracusa sulla manutenzione del Nicola De Simone e che riporta, nel modo migliore, chiarezza nei rapporti tra il Comune e la società azzurra.

Roberto Visentin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com