breaking news

VOLALIBRO,INCONTRO CON MARIA RITA PARSI

17 Novembre 2010 | by Redazione Webmarte
VOLALIBRO,INCONTRO CON MARIA RITA PARSI
Attualità
0

La scuola, la famiglia, i sentimenti, le paure: se n’è parlato oggi a Noto con Maria Rita Parsi, docente psicologa e pedagogista, presidente della Fondazione Movimento Bambino, che ha incontrato i ragazzi di Volalibro, il Festival della cultura per ragazzi promossa dal Comune di Noto. Fuori dagli schemi, ha subito annullato le distanze con l’uditorio, chiamando accanto a sé insegnanti e studenti per tessere un dialogo a più voci. Al centro sempre loro, quei “nativi digitali” che tanto hanno acquisito dalle nuove tecnologie, ma allo stesso tempo, di tanto sono stati depredati: «E’ proprio questo contrasto – ha spiegato la Parsi – che ho spiegato nel libro “L’immaginario prigioniero”. Oggi la capacità di astrazione, di immaginazione e anche di “costruzione di una realtà” è assolutamente mortificata tra i ragazzi, a causa dell’abuso continuo di televisione e internet». Duro l’attacco contro l’utilizzo di immagini shock di incidenti o vicende di sangue trasmesse ripetutamente dai mass media: «Come Fondazione denunciamo e segnaliamo alle Autorità competenti questi tipi di abuso, perché aggrediscono la personalità di un bambino più di quanto si possa credere». Alto il livello di guardia anche sui pericoli “impliciti” di internet: «Da una recente ricerca è emerso che il 42,8% dei ragazzi che utilizzano frequentemente la chat per dialogare con gli amici indeboliscono o, in alcuni casi, annullano in gran parte i propri rapporti umani.  Questo è la prova di come la tecnologia rischi di fagocitare ogni cosa nel mondo virtuale. Così, allo stesso modo, le relazioni, le paure e i sentimenti perdono la loro carica umana, ammantandosi di virtuale». Importanti moniti arrivati anche dall’incontro con don Fortunato di Noto, fondatore di Meter, associazione di Avola nata dall’esigenza di radicare e promuovere la cultura, i diritti e la tutela dell’infanzia, diventando punto di riferimento in Italia e all’estero, per prevenire abusi e maltrattamenti e sostenere le vittime degli abusi sessuali. Don Fortunato di Noto, insieme al funzionario della Polizia postale Marcello La Bella, stamattina hanno approfondito con alcuni partecipanti di Volalibro la tematica relativa alla pedopornografia, ai pericoli e alle insidie del web. Di adolescenza si continuerà a parlare domani con la scrittrice Marida Lombardo Pijola, che, dopo la presentazione a Palazzo di Villadorata del libro “L’età indecente” , nel pomeriggio incontrerà ragazzi, insegnanti e genitori in un dibattito aperto, al Palazzo della Cultura “Carlo Giavanti”. (pri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com