breaking news

WWF SICILIA:TRIVELLAZIONI NON A NOTO

30 Ottobre 2010 | by Redazione Webmarte
WWF SICILIA:TRIVELLAZIONI NON A NOTO
Attualità
0

“Il Governo regionale ha l’obbligo giuridico di revocare le autorizzazioni all’epoca rilasciate alla “Panther Oil” per avviare le trivellazioni nel Val di Noto”. Lo sostiene il Wwf siciliano, che attraverso il suo presidente, Pier Francesco Rizza ripercorre l’iter legale del percorso che ha portato nei giorni scorsi al “si” della Regione, o meglio del consiglio di giustizia amministrativa, agli interventi perforativi nella zona sud orientale dell’isola. La scelta del governo Cuffaro di rilasciare quelle autorizzazioni per Rizza fu “scellerata” e va oggi corretta. E’ evidente per il Wwf siciliano che la installazione di pozzi petroliferi costituirebbe  “un pericolosissimo vulnus sia per l’istituendo Parco Nazionale, sia per il prestigioso riconoscimento UNESCO ottenuto per la Val di Noto”. Rizza, nella vita avvocato, ricorda comunque che la sentenza del Cga, che di fatto concede alla società texana la possibilità di avviare le sue ricerche di idrocarburi, accogliendo il ricorso alla sentenza del Tar (che bloccava le trivellazioni) non riguarda il provvedimento presentato dal comune di Noto, ma quello dell’amministrazione comunale di Vittoria. I due sindaci presentarono infatti due distinti ricorsi contro il progetto di avvio delle trivellazioni in due zone diverse, una nel territorio del ragusano, l’altra a Noto, in contrada Zisola. Significa che la Panther Oil, ribadisce il presidente del Wwf, in questo momento potrebbe lavorare solo sull’area di Vittoria.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com