breaking news

ZONE FRANCHE NEI SITI CONTAMINATI, DDL DI PIPPO GIANNI

ZONE FRANCHE NEI SITI CONTAMINATI, DDL DI PIPPO GIANNI
Politica
0

Un disegno legge che prevede l’istituzione di zone franche urbane nei siti contaminati di interesse nazionale. Lo ha presentato il deputato nazionale Pippo Gianni del Pid, che questa mattina ha illustrato il ddl nel corso di una conferenza stampa nella sua segreteria di via Po. L’idea del parlamentare parte dal presupposto che “la bonifica dei siti contaminati rappresetna uno dei problemi più rilevanti del Paese”. Le zone franche urbane, per Gianni, servirebbero per alleggerire la situazione economica per i cittadini che pagano già un alto prezzo per il fatto di vivere in siti contaminati. Le zone franche sarebbero istituite fino al 2040. Vi rientrerebbero “le attività produttive che perseguono finalità occupazionali e di riequilibrio territoriale, nonché di recupero ambientale”. A queste andrebbe un credito di imposta pari al 20 per cento del reddito d’impresa. Percentuale che potrebbe essere differenziata per favorire la ricerca, l’innovazione, la promozione della crescita dimensionale delle imprese. Ci sarebbe un contributo straordinario per l’avviamento, fino a un milione di euro per ogni singolo nuovo insediamento. Tutto questo a patto che l’azienda rimanga attiva per almeno 15 anni. A gestire la zona franca urbana sarebbe, sempre in base al disegno di legge presentato, un apposito consorzio di cui farebbero parte le province, i comuni, la camera di commercio , le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, gli istituti di credito, i consorzi fidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com