breaking news

Augusta| Incendio in carcere, un detenuto dà fuoco alla cella: sfiorata la tragedia

Augusta| Incendio in carcere, un detenuto dà fuoco alla cella: sfiorata la tragedia
Cronaca
0

Si è sfiorata la tragedia, nella notte, tra venerdì e sabato nella Casa di reclusione di Augusta. Un nuovo detenuto straniero ha dato fuoco alla sua cella. Intervento tempestivo della Polizia penitenziaria ha evitato la tragedia.  A dare notizia dell’accaduto è il Sappe.

Un detenuto di recente arrivato nella casa di reclusione di Augusta ha dato fuoco alla sua cella. La tragedia è stata evitata dall’intervento tempestivo del personale che opera nel carcere di contrada Piano Ippolito. “Colpa e conseguenza della protesta sconsiderata e incomprensibile di un detenuto straniero, nuovo giunto, che ha dato fuoco alla sua cella, provocando fumo che ha reso necessario spostare i ristretti in altra sezione, è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per domare le fiamme”, spiega Calogero Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, il primo e più rappresentativo della Categoria. “Il tempestivo intervento dei poliziotti, con grande senso di responsabilità coraggio e professionalità, ha permesso di salvare la vita al detenuto ed evitare più gravi e tragiche conseguenze, visto che un denso fumo aveva già invaso le celle del reparto”.
Navarra esprime gratitudine nei confronti di tutto il personale di Polizia penitenziaria che con professionalità e abnegazione ha evitato che la situazione diventasse ancora più drammatica. “Sono stati bravi i poliziotti penitenziari in servizio nel carcere di Augusta – conclude – a intervenire tempestivamente, con professionalità, capacità e competenza”. Il segretario generale del Sappe Donato Capece evidenzia come si siano vissuti “momenti di grande tensione e pericolo, gestiti con grande coraggio e professionalità dai poliziotti. Nonostante gli evidenti pericoli, i bravi poliziotti hanno salvato la vita all’incosciente detenuto e sono riusciti a mettere in sicurezza tutti gli altri ristretti. Poteva essere una tragedia, sventata dal tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari di servizio nel reparto e dal successivo impiego degli altri poliziotti penitenziari in servizio nel carcere. Quanto accaduto nel carcere di Augusta è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti, ma è evidente che l’Amministrazione Penitenziaria deve trovare serie e urgenti soluzioni alla grave situazione penitenziaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com