breaking news

Siracusa| Aggrediti agenti di polizia dopo un fermo scooter

8 Febbraio 2020 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Aggrediti agenti di polizia dopo un fermo scooter
Cronaca
0

La polizia sorprende un 22enne alla guida di uno scooter sottoposto a sequestro amministrativo, ma subito dopo vengono accerchiati da alcune persone, compreso il padre del ragazzo, che aggrediscono gli agenti agevolando la fuga del giovane in scooter.

Ieri durante un controllo su strada la polizia di Siracusa, in un posto di blocco, ha sorpreso un giovane di 22 anni alla guida di una Honda SH sottoposta a sequestro amministrativo, sono stati accerchiati da un gruppo di soggetti non identificati giunti insieme al padre del giovane che, approfittando della superiorità numerica, aggredivano gli operatori di Polizia intenti al controllo agevolando la fuga del giovane. Gli agenti, coadiuvati da altro personale, hanno successivamente effettuato una perquisizione nell’abitazione del giovane, a seguito della quale sono state rinvenute e sequestrate due pistole modello Bruni, riproduzioni di armi autentiche prive di tappo rosso e attrezzatura da lavoro presumibilmente provento di furto (trapani, compressori, taglia piastrelle, cacciaviti, un booster ed altro materiale). Nell’occorso è stato posto sotto sequestro un sistema di video sorveglianza, completo di telecamere monitor e sensori, posto a tutela dell’abitazione e due ricetrasmittenti. Al termine di detta attività info investigativa, L.V., ventiduenne, e L.M. quarantacinquenne, entrambi già noti alle forze di polizia, sono stati denunciati per i reati di minacce, violenza, resistenza e lesioni a P.U., danneggiamento aggravato e ricettazione. Nel corso del servizio, infine, è stato richiesto l’intervento di personale Enel per la verifica dei contatori dello stabile in cui risiedono gli indagati e, al termine degli accertamenti, sono state denunciate per il reato di furto aggravato di energia elettrica una donna e tre uomini.

Ieri, invece, gli agenti hanno eseguito la misura della revoca degli arresti domiciliari e la sostituzione con la misura della custodia cautelare in carcere, emesso dalla Corte di Appello di Catania, a carico di Concetto Anthony Magnano, di 24 anni. Il provvedimento è dovuto alle numerose violazioni alle prescrizioni della misura limitativa della libertà personale cui l’uomo era sottoposto. Infine, gli Agenti hanno denunciato un uomo per il reato di ricettazione, poiché trovato in possesso di grammi 364,46 di monili in oro che aveva occultato all’interno dell’autovettura e della quale non ha fornito valida giustificazione in merito alla disponibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com