breaking news

Noto| “Devi pagare o giuro che vengo a casa tua e butto dal balcone te e tua moglie” -Video

Noto| “Devi pagare o giuro che vengo a casa tua e butto dal balcone te e tua moglie”<span class='video_title_tag'> -Video</span>
Cronaca
0

Nell’ambito di un’operazione di polizia giudiziaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa e condotta dal Dirigente, dott. Paolo Arena, e dagli Agenti del Commissariato di P.S. di Noto, nella giornata di ieri è stato arrestato per il reato di estorsione Manenti Simone, netino di 30 anni, già conosciuto alle forze di polizia.

 

Martedì scorso, gli investigatori del Commissariato hanno avuto notizia di una estorsione subita da un operaio di Noto. La vittima, da tempo, era vessata da costanti richieste di denaro e da chiare minacce poste in essere da un uomo, successivamente identificato in Manenti Simone. Al culmine delle richieste, sempre più pressanti, la vittima ha ricevuto via social un eloquente messaggio minatorio “perché non mi rispondi? Devi pagare…. devi pagare o giuro che vengo a casa tua e butto dal balcone te e tua moglie” con la richiesta di 1800 euro. Altri messaggi vocali dello stesso tenore intimidatorio sono stati inviati via whatsApp.

 

Infine, allo scopo di interrompere l’azione criminosa e tutelare la vittima ed i suoi familiari, coordinati dalla Procura della locale Repubblica, gli uomini del Commissariato di Noto hanno predisposto un’operazione di polizia giudiziaria che ha consentito di cogliere nella fragranza del reato Manenti Simone mentre riceveva una somma di denaro dalla sua vittima.

La straordinaria tempestività di intervento degli investigatori del Commissariato, sotto la guida del Dirigente, ha consentito di interrompere la grave azione criminosa acquisendo un pesante quadro probatorio a carico dell’odierno arrestato. E’ altamente probabile che dietro le pretese estorsive vi siano dei debiti derivanti da una compravendita di sostanze stupefacenti effettuata dall’estorsore con terze persone, per onorare i quali, lo stesso ha vessato la vittima.

GUARDA IL VIDEO DELL’ARRESTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com