breaking news

Siracusa| Festa della polizia municipale

20 Gennaio 2020 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Festa della polizia municipale
Attualità
0

“È sempre un momento emozionante partecipare a questa cerimonia ricca di tradizione e di storia, in coincidenza con la ricorrenza del giorno dedicato a San Sebastiano, co-patrono di Siracusa, suggella il legame tra la città e la Polizia municipale”.

Questo abbinamento fa sì che la festa del Corpo abbia conservato immutato negli anni il suo significato, così come il perpetuarsi di alcune consuetudini, direi quasi di alcuni riti, è un reciproco riconoscimento dell’impegno e che i nostri agenti mettono per l’affermazione della legalità e dell’apprezzamento che i siracusani riservano loro. – ha commentato il sindaco Francesco ItaliaLe donne e gli uomini di tutte le forze di polizia sono la massima espressione di dedizione di un cittadino per la collettività e il bene comune. Indossare una divisa significa non solo lavorare per la gente affinché la complessa macchina amministrativa di un grande Paese funzioni nel rispetto della legge e i cittadini possano vivere senza affanni godendo dei servizi messi a disposizione; significa pure vivere lo spirito di servizio fino alle estreme conseguenze, fino al punto da mettere a rischio la propria incolumità per salvaguardare i cittadini onesti dalle violenze e da ogni forma di ingiustizia e di prevaricazione, non solo fisica. Allora, questa festa, come quelle di tutte le altre forze di polizia, non deve essere uno stanco rituale ma deve rappresentare l’orgoglio dell’appartenenza e deve servire a rafforzare il senso della solidarietà interna e lo spirito di corpo”.

“Queste donne e questi uomini una volta erano chiamati vigili urbani, un’espressione che conserva intatta una sua nobiltà e che evidenzia il carattere prevalentemente civico della funzione. Da qualche anno ormai sono agenti di Polizia municipale, un nome che descrive meglio i nuovi compiti chiamati ad assolvere ma che non toglie nulla rispetto allo spirito originario, che si estrinseca nella vicinanza al cittadino, nella capacità di applicare il concetto di “prossimità” meglio di chiunque altro. È indubbio che i vigili urbani vengono avvertiti in maniera diversa rispetto alle altre forze di polizia e la differenza sta proprio nel carattere che potremmo definire “umanitario” prima che repressivo del loro approccio con la gente. Diciamo sempre che essi sono il primo front-office dell’Amministrazione verso i cittadini e non sono parole di circostanza. Il tentativo che stiamo facendo, con la collaborazione costante del comandante Miccoli, è di incoraggiare questa funzione superando le difficoltà imposte dalle carenze di organico con una più efficace organizzazione dei servizi e con l’assunzione di nuove unità già nel corso di quest’anno”.

“Di vigili urbani non ce n’è mai abbastanza e devo ammettere che l’impegno dei nostri è degno di nota. Lo dicono le statistiche, che ci rappresentano un’attività crescente nei compiti caratteristici del Corpo, cioè i controlli per il rispetto del Codice della strada, con particolare riguardo verso l’uso del telefonino durante la guida, che non è solo una pessima abitudine ma, probabilmente, anche la causa di molti incidenti. L’azione repressiva in questa direzione deve continuare ad essere constante nel tempo, così come saluto positivamente altri due dati: la lotta al fenomeno dei parcheggiatori abusivi, pessimo biglietto da visita per una città turistica, e i controlli ambientali, soprattutto sullo smaltimento irregolare dei rifiuti. I numeri, in forte crescita rispetto allo scorso anno, ci dicono di un ampio dispiegamento di uomini e mezzi – e quindi con un consumo di risorse – per il contrasto di un fenomeno che oggi è di portata preoccupante ma che potrebbe essere facilmente ridimensionato se solo tutti noi mostrassimo maggiore senso civico e maggiore capacità di osservare le regole per il benessere di tutti”.

“In questo ambito, l’azione della Polizia municipale si è fortemente saldata con l’indirizzo politico dato dalla nostra Amministrazione così come è avvenuto per il rispetto del decoro urbano, andando a scovare chi, soprattutto nel settore commerciale, danneggia l’immagine della città pensando di potersi comportare sopra le leggi e mettendo l’interesse personale prima di quello generale. – ha concluso ItaliaSu questa strada proseguiremo con ancora più convinzione nei prossimi mesi sapendo di potere contare sulla Polizia municipale, strumento decisivo per la crescita civile della nostra comunità e per migliorare la nostra immagine nel mondo. Diamo una mano a queste donne e questi uomini in divisa con i nostri comportamenti giornalieri che devono essere incentrati al rispetto reciproco e all’osservanza delle regole. Facciamolo come atto d’amore verso noi stessi, verso i nostri cari e verso Siracusa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com