breaking news

Siracusa | Il direttore sanitario dell’ASP: Il Covid fa meno male grazie soprattutto alle vaccinazioni, ma è necessario non abbassare la guardia

30 Dicembre 2022 | by Michele Accolla
Siracusa | Il direttore sanitario dell’ASP: Il Covid fa meno male grazie soprattutto alle vaccinazioni, ma è necessario non abbassare la guardia
Sanità
'
0

In un’intervista alla nostra testata, il direttore sanitario dell’Asp di Siracusa, Salvatore Madonia, fa il punto sull’emergenza Covid in provincia.

Nel primo fine anno senza le restrizioni imposte dalla pandemia da Covid, la situazione negli ospedali è sotto le soglie di allarme, e il virus, anche se è diventato più contagioso, sembra provocare conseguenze sulla salute meno gravi.

Nell’intervista a Webmarte.tv, che pubblichiamo integralmente in video, il direttore sanitario dell’Asp di Siracusa, Salvatore Madonia, illustra i dati aggiornati dei contagi e dei ricoveri in provincia.

I dati del 2022 sono in linea con quelli nazionali ed evidenziano un incremento notevole del numero dei positivi al virus rispetto al 2021, con il massimo raggiunto la scorsa estate, a cui tuttavia corrisponde una notevole riduzione degli effetti sulla salute.

Il merito è soprattutto della copertura vaccinale, che ha raggiunto percentuali superiori al 90% della popolazione in provincia, e che ha prodotto una immunità collettiva che protegge dagli effetti più gravi e dal rischio che il virus possa mutare in varianti più pericolose.

Solo il dieci per cento dei pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid sono vaccinati, e la percentuale si riduce ulteriormente se si considerano coloro che hanno completato il ciclo vaccinale.

Un dato significativo dell’evoluzione della pandemia è rappresentato anche dalle caratteristiche dei pazienti ricoverati.

Nel 2021 l’80% era ricoverato per gli effetti prodotti dal virus e il 20% per altre patologie, ma nel corso del ricovero erano risultati positivi.

Nel 2022 le percentuali si sono capovolte, e solo il 20% del pazienti Covid è ricoverato per gli effetti provocati dall’infezione, mentre l’80%, ricoverato per altre patologie è poi risultato positivo al virus.

Tuttavia, Madonia avverte che la pandemia non è finita, e che nuove varianti del virus, con la perdita dell’immunità per il basso numero di persone che si sottopongono alla terza e quarta dose di vaccino, potrebbe riportare a condizioni di emergenza anche gravi.

È necessario quindi continuare ad utilizzare le precauzioni che abbiamo imparato nella fase acuta della pandemia, e soprattutto continuare il ciclo vaccinale, che si è rivelato la vera arma vincente nella guerra al virus, come confermano le notizie cha arrivano in questi giorni dalla Cina.

Per il direttore sanitario, la rete ospedaliera e sanitaria in provincia ha retto complessivamente bene all’emergenza.

È stato anche aggiornato l’approccio al trattamento dei pazienti, ai reparti Covid sono state affiancate le ‘bolle’ all’interno dei reparti ospedalieri, per trattare i pazienti, affetti da altre patologie che risultano positivi al Covid.

Nell’intervista, Madonia parla anche dello stato di salute della rete ospedaliera in provincia.

Sul nuovo ospedale di Siracusa manifesta il suo ottimismo per la sua realizzazione in tempi ragionevolmente rapidi.

Buone notizie anche per l’ospedale Muscatello di Augusta, sul quale sono in programma ulteriori interventi di potenziamento.

Clicca per guardare l’intervista

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 461

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *