breaking news

Augusta| L’assessore Carrabino lascia la presidenza della Società di storia patria

17 Novembre 2020 | by Redazione Webmarte
Augusta| L’assessore Carrabino lascia la presidenza della Società di storia patria
Cultura
'
1

Giuseppe Carrabino, neo assessore alla Cultura della Giunta Di Mare, lascia la presidenza della Società augustana di storia patria, alla quale ha dedicato passione, impegno e dedizione. Resterà socio del sodalizio. Con una lunga lettera si congeda dall’incarico.

Giuseppe Carrabino lascia la presidenza della Società augustana di storia patria, una realtà ben solida e radicata nel territorio, che tante iniziative ha promosso in città. Una scelta, quella delle dimissioni dettata dall’assunzione del nuovo incarico in seno alla Giunta comunale da assessore a Cultura e Spettacolo, Vigili urbani, Toponomastica e Viabilità, Patrimonio e Urbanistica. Con una lunga lettera Carrabino si congeda da questo ruolo ricoperto per anni con impegno e dedizione, Resterà, comunque socio del sodalizio che, ad oggi, conta ben 492 soci tra fondatori, onorari, benemeriti e sostenitori.

Lettera che di seguito riportiamo integralmente: “Cari soci, più che scrivervi avrei desiderato incontrarvi come abbiamo sempre fatto in occasione della presentazione del nostro Bollettino per condividere le belle esperienze che in poco meno di tre anni ci hanno permesso di edificare una solida realtà culturale qual è la Società Augustana di Storia Patria. La nostra istituzione che a oggi conta ben 492 soci tra fondatori, onorari, benemeriti e sostenitori è un unicum nel panorama delle Società di Storia Patria operanti in Sicilia e certamente, come attestato dai tanti “professionisti della cultura”, tra le più attive per le sue molteplici iniziative culturali: il Bollettino semestrale, la collana “Scrinium” e il Festival della Storia Patria.

In questi anni la Società è stata un soggetto attivo nella promozione di restauri di opere d’arte in collaborazione con la Sovrintendenza ai Monumenti e con il sostegno di tante aziende e istituzioni private. Abbiamo promosso la celebrazione di eventi e la commemorazione di personaggi che hanno dato lustro alla nostra città esaltando l’identità e l’orgoglio di essere augustani. Da parte mia – scrive Carrabino – ho tentato di dedicare risorse ed energie pur di far crescere questa bella realtà che considero una mia creatura, frutto di un lavoro che è stato sposato da tantissimi amici che hanno creduto in questo progetto. Il mio grazie è rivolto a ciascuno di Voi. Tutti dovete sentirvi artefici di questo miracolo culturale della nostra Augusta.

Ricordo lo scoramento iniziale, le perplessità di dar vita ad una istituzione ambiziosa che mirava ad importanti traguardi. Oggi posso tranquillamente affermare che quel sogno è un’importante realtà. Un sogno che tutti voi avete fatto vostro. Un sogno che si è reso concreto grazie all’apporto dei soci onorari che con le loro qualificate competenze hanno permesso di accrescere il prestigio della Società. Un sogno che si è reso concreto grazie ai tanti soci benemeriti che hanno inteso sostenere le nostre attività: la Banca Agricola Popolare di Ragusa rappresentata da Leo La Ferla; la Esso Italiana Raffineria di Augusta; la Sonatrach Stabilimento di Augusta con il suo direttore Rosario Pistorio; la Buzzi Unicem con il suo direttore Luca Pellino; l’Autorità di sistema portuale Augusta-Catania con il presidente Andrea Annunziata. Un sogno che si è realizzato soprattutto con le centinaia di soci sostenitori che con umiltà, dedizione e amor patrio hanno ritenuto essere partecipi di questo progetto.

Oggi è giunto il momento di passare il testimone. Tutti voi sapete della mia nomina di assessore alla Cultura della nostra bella città di Augusta che ho accettato con entusiasmo. L’invito del sindaco Giuseppe Di Mare mi onora e gratifica per il lavoro che da anni svolgo con spirito di volontariato per la promozione del bello. Sono fermamente convinto come sostiene Dostoevskij che se “la bellezza salverà il mondo”, essa potrà salvare anche Augusta ! Si tratta di crederci e di cooperare tutti per quest’obiettivo.

Nel rassegnare le dimissioni da presidente (anche se continuerò a essere socio) vi assicuro che vi lascio in buone mani. In questi anni ho avuto il privilegio di lavorare con un consiglio direttivo affiatato ed efficace, pronto a sposare le mie innumerevoli idee in ogni periodo dell’anno, perfino in estate quando bisognerebbe riposarsi. Come non ho esitato a realizzare i progetti e le belle iniziative dei miei collaboratori e dei soci che hanno voluto offrire il loro contributo di idee. Consentitemi di esprimere tutta la mia gratitudine al vice presidente Salvatore Romano, alla solerte segretaria Carmela Mendola, al dinamico Corrado Di Mauro e ai componenti del Consiglio: Fabio Martino Granata, Gabriele Ragusa, Cristina Rossitto e Giuseppe Ramaci. A tutti voi rivolgo il mio sentito Grazie!

In questo periodo di restrizioni, stiamo giustamente rispettando le disposizioni dei Decreti del Governo per cui non è possibile né opportuno programmare iniziative in presenza. Posso assicurarvi di aver mandato in stampa il sesto numero del Bollettino che sarà presentato prossimamente tenendo conto della situazione emergenziale. Manteniamo unita concretamente la nostra Società augustana di storia patria – conclude Giuseppe Carrabino – in attesa di poter riprendere la normale programmazione che sono certo con la nuova presidenza continuerà a percorrere il cammino intrapreso col necessario slancio e vigore.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com