breaking news

Siracusa | A Priolo in Sicilia il dramma del petrolchimico siracusano che rischia di chiudere. Il servizio giornalistico su Report, in programma lunedì su Rai 3

27 Novembre 2022 | by Michele Accolla
Siracusa | A Priolo in Sicilia il dramma del petrolchimico siracusano che rischia di chiudere. Il servizio giornalistico su Report, in programma lunedì su Rai 3
Attualità
'
0

Report, la nota trasmissione di inchiesta della Rai, nella puntata di lunedì, trasmetterà un servizio di Manuele Bonaccorsi sul polo industriale, dal titolo “A Priolo in Sicilia il dramma del petrolchimico siracusano che rischia di chiudere”.

“A Priolo in Sicilia il dramma del petrolchimico siracusano che rischia di chiudere”, questo il titolo del servizio che Report, il programma di inchiesta condotto da Sigfrido Ranucci, trasmetterà nella puntata di lunedì prossimo, a partire dalle ore 21.20 su Rai 3.

L’autore del servizio è Manuele Bonaccorsi.

Dal sito della nota trasmissione, riportiamo il lancio dell’inchiesta.

“Il petrolchimico di Priolo (Siracusa), capace di produrre da solo un terzo del fabbisogno italiano di derivati del petrolio, rischia di chiudere, lasciando senza lavoro circa 10mila lavoratori.

E i nostri distributori senza benzina, con conseguenze drammatiche sul sistema dei trasporti.

Per quale motivo? Report racconterà le due grandi minacce che rischiano di mettere al tappeto questa importante realtà produttiva.

La prima sono le sanzioni contro Mosca.

La società petrolifera russa Lukoil, che controlla il principale impianto della zona industriale siracusana, seppur non sottoposta alle misure restrittive dell’Unione Europea, non riesce più a farsi rilasciare dalle banche le lettere di credito necessarie all’acquisto di greggio sui mercati mondiali.

E dal 5 dicembre, a causa delle sanzioni, non potrà neppure importare il greggio russo.

Report svelerà lo scontro geopolitico in atto sul petrolchimico siracusano, che coinvolge anche gli interessi statunitensi sul mercato mondiale dei carburanti.

La seconda minaccia è giudiziaria.

La Procura di Siracusa ha posto sotto sequestro il depuratore che tratta i reflui inquinanti del petrolchimico. L’accusa è durissima: disastro ambientale.

Se i magistrati dovessero realmente fermare l’impianto di depurazione, l’intero petrolchimico dovrebbe chiudere i battenti.”

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 874

Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *