breaking news

Lentini | Discarica Scalpello, Musumeci: «Prudenza e rigore sui progetti delle società destinatarie di misure giudiziarie»

6 Ottobre 2020 | by Silvio Breci
Lentini | Discarica Scalpello, Musumeci: «Prudenza e rigore sui progetti delle società destinatarie di misure giudiziarie»
Attualità
0

Vertice questa mattina a Catania tra il governatore e i sindaci Bosco, Stefio e Lentini. Basta rifiuti: «Il governo regionale cambi strategia e consideri Lentini zona rossa». Riequilibrare lo sbilanciamento tra pubblico e privato.

Il vertice a Catania. Riequilibrare lo sbilanciamento tra pubblico e privato attraverso la realizzazione di impianti pubblici di trattamento dei rifiuti, anche inevitabili e non riutilizzabili, che consentano di progredire verso un’economia circolare più sostenibile. È la necessità emersa nel corso del vertice svoltosi questa mattina al Palazzo del governo di Catania tra il presidente della Regione Nello Musumeci e i sindaci di Lentini, Carlentini e Francofonte, Saverio Bosco, Giuseppe Stefio e Daniele Lentini.

Musumeci: «Massimo rigore». «Il governo regionale – ha assicurato il governatore – osserverà come sempre prudenza e massimo rigore, fino alla sospensione dei procedimenti autorizzativi, per quei progetti di ampliamento delle discariche presentati da società destinatarie di misure giudiziarie». L’incontro era stato chiesto nelle scorse settimane da Bosco, anche a nome degli altri sindaci e delle associazioni del territorio, per ribadire la ferma opposizione di comunità e istituzioni al progetto dell’ennesima discarica che si vorrebbe realizzare nel territorio di Lentini, esattamente in contrada Scalpello, all’interno di due vecchie cave di tufo che occupano un’area di 21 ettari e che potrebbero accogliere oltre due milioni di metri cubi di spazzatura.

La discarica: «Gravissima minaccia per il territorio». Il progetto – presentato nei mesi scorsi dalla Gesac, una delle società della famiglia Leonardi finite sotto i riflettori della magistratura nell’ambito dell’inchiesta “Mazzetta Sicula” – rappresenta, secondo i sindaci, una gravissima minaccia per un territorio «preso di mira da gruppi imprenditoriali che stanno inesorabilmente cambiando la vocazione delle “terre del Leontinoi” da culla di cultura e storia a discarica della Sicilia». «Un triste destino al quale le comunità non intendono rassegnarsi», hanno ribadito questa mattina i tre sindaci al governatore Musumeci.

Bosco: «Il governo cambi strategia». «È arrivato il momento di dire basta. Non possiamo più reggere altri rifiuti. A Musumeci – sottolinea Bosco – abbiamo chiesto che il governo regionale cambi finalmente strategia e cominci, una volta per tutte, a considerare Lentini come una zona rossa dove ai camion carichi di rifiuti sia impedito di entrare». Dalla riunione è emersa la volontà unanime di procedere con azioni destinate ad accrescere l’efficienza del sistema rifiuti, attraverso una loro progressiva riduzione. La priorità, infatti, è la prevenzione che, mediante la raccolta differenziata, avvia un percorso di riutilizzo, riciclaggio e recupero energetico che fa risultare il conferimento in discarica lo scenario meno ottimale.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com