breaking news

Siracusa| Circa 300 lavoratori metalmeccanici ancora in attesa di tampone

Siracusa| Circa 300 lavoratori metalmeccanici ancora in attesa di tampone
Attualità
0

Le aziende metalmeccaniche di Confindustria Siracusa chiedono all’ASP di Siracusa di effettuare celermente i tamponi ai lavoratori. Musso: “Nessuna impresa è in grado di sostenere altri ritardi”.

Confindustria Siracusa ha più volte, da oltre due settimane, sollecitato l’ASP, il Prefetto e le Autorità sanitarie Regionali ad effettuare i tamponi a circa 300 lavoratori che hanno già ampiamente superato il periodo di quarantena. Tale servizio si rende necessario ed urgente per consentire ai lavoratori di tornare in attività al più presto e alle aziende di riprendere a lavorare.

“Ritengo fondamentale segnalare che i lavoratori che sono rientrati nel nostro territorio – dice Giovanni Musso, Presidente della Sezione imprenditori metalmeccanici di Confindustria Siracusa – e che hanno concluso la quarantena obbligatoria, stanno ancora aspettando da molto tempo di sottoporsi al tampone rinofaringeo per poter tornare a lavorare. Dal 4 maggio molte imprese saranno autorizzate a riprendere le attività e quindi bisogna per tempo provvedere alla mobilitazione dei cantieri – continua Musso. “Dopo un lungo periodo di chiusura che ha sicuramente danneggiato sia economicamente che finanziariamente molte aziende, occorre procedere con estrema urgenza alla effettuazione dei tamponi, evitando ritardi che nessuna impresa è in grado di sostenere: il danno economico per l’impresa sarebbe la perdita del lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com